Le mie letture in Biblioteca, da 3 a 13 anni

Più riguardo a Capitan Omicidio Più riguardo a Cyrano Più riguardo a La bellezza del re Più riguardo a Fiabe Più riguardo a La storia infinita Più riguardo a Il visconte dimezzato Più riguardo a Lo Stralisco Più riguardo a Banda di maiali! Più riguardo a La palla rossa Più riguardo a Questa è la poesia che guarisce i pesci Più riguardo a Il palloncino rosso Più riguardo a Olivia Più riguardo a Gruffalò e la sua piccolina Più riguardo a Mangerei volentieri un bambino Più riguardo a Versi perversi Più riguardo a C'era un bambino profumato di latte Più riguardo a Ciccio Porcello domani si sposa Più riguardo a Come il boia perse il suo cuore Più riguardo a Lavandaie scatenate Più riguardo a L'approdo

Annunci

21 thoughts on “Le mie letture in Biblioteca, da 3 a 13 anni

    • L’ho usato per il gioco letterario che organizziamo tutti gli anni con le medie: facciamo leggere 4 libri, un fumetto e guardare un film; poi costruiamo un enorme puzzle e le classi si sfidano a colpi di domande sui libri e il film: a ogni risposta giusta la classe conquista un pezzo per finire il puzzle…vince chi ottiene più pezzi :D!

    • In effetti sarebbero adatti a tutti…non a caso i genitori o i nonni che talvolta accompagnano ascoltano presissimi tanto quanto i piccolini…Mi sa che davanti a una bella storia si torna tutti bambini!

  1. “L’approdo”, mai sentito, visto ora per la prima volta. Sento un bisogno inesprimibile di averlo! Sembra così bello. Complimenti per quest’angolino così carino e pieno di cose belle.

    • Grazie! “L’approdo” lo usiamo per il percorso in Biblioteca con le scuole medie: devono leggere 2 libri, 1 fumetto e guardare un film, poi facciamo un gioco tutti insieme con domande e risposte. “L’approdo” ha spiazzato tutti perché non ha parole ma solo immagine, da leggere come un libro vero e proprio…una bella sfida e un bel punto di vista! Il tema dell’opera è il viaggio, l’emigrazione e l’immigrazione.

      • Adoro i libri illustrati – vedo che ne hai messo uno di Rébecca Dautremer – e sono una che viaggia per lavoro. Pur non potendomi paragonare agli emigrati ho vissuto situazioni in Italia di discriminazione e disagio. Lasciare la propria casa non è mai bello, se lo si fa per forza e nella speranza di avere un lavoro.

      • Gli albi illustrati e le graphic novel sono meravigliosi…ne sono usciti davvero di eccellenti, anche da comprare e tenersi per sé in casa. Rébecca Dautremer mi piace tantissimo! Non ho mai viaggiato per lavoro, ma posso immaginare le difficoltà e le problematiche che possono sorgere…soprattutto se, appunto come dici tu, la causa scatenante è la necessità e il lavoro. Ti abbraccio forte anche se non ti conosco, ma le tue parole mi hanno colpita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...